Mostre d’autunno: con Orpheo la cultura è un gioco da ragazzi

kids tour Pollock orpheo

Insieme è più bello

Con la pioggia e il fumo denso delle caldarroste ritorna una stagione fitta di imperdibili appuntamenti con la cultura. Quale occasione migliore per riunire la famiglia e trascorrere del tempo di qualità, tutti insieme?!

Sono ben tredici le mostre temporanee che questo autunno ci vedono coinvolti da un’estremità all’altra dello stivale. Cinque di queste strizzano l’occhio anche ai più piccoli.

Esperienze a misura di bambino

Orpheo, che da sempre è in prima linea nell’impegno verso l’accessibilità della cultura e promotore, tra l’altro, del programma Arte per Tutti, realizza anche contenuti originali ideati appositamente per i ragazzi. Coinvolgere è la nostra mission, e il nostro strumento è lo storytelling. Immergersi nelle storie ci consente di viaggiare per terre sconosciute e in passati remoti, produce effetti benefici sul cervello – l’ossitocina è anche nota come “l’ormone dell’empatia” – e stimola la curiosità, elemento imprescindibile dell’apprendimento.

arte per tutti - orpheo

Oltre lo storytelling

Ma c’è di più. Nei nostri percorsi audioguidati, il concetto di storytelling sembra virare verso nuovi orizzonti. Il semplice ascolto di una storia viene progressivamente sostituito da un ascolto partecipato, in cui la voce narrante propone riflessioni e piccoli interrogativi ai giovani ascoltatori, rendendoli ancora più coinvolti nella loro esperienza con l’arte!

Quale strumento è necessario per realizzare la tecnica pittorica del crachis?

Qual era il colore utilizzato per gli abiti dei bambini e delle bambine un secolo fa?

“Qual è il colore più amato sulla terra? E quello meno amato?”

Le nostre mostre

Queste, ad esempio, sono solo alcune delle molte curiosità che Iris, dea dell’arcobaleno e messaggera degli dei, svelerà ai giovani visitatori della mostra Pollock e la Scuola di New York ospitata nell’ala Brasini del Complesso del Vittoriano e visitabile fino al 24 febbraio 2019. Il percorso di visita, concepito come una sorta di caccia al tesoro, propone ai ragazzi anche tanti stimoli per cimentarsi in originali tecniche pittoriche e, invertendo le prospettive, trasforma loro stessi in piccoli artisti.

La stessa prestigiosa location accoglie la mostra dedicata ad Andy Warhol, dove, fino al 3 febbraio, il paparazzo Johnny Flash vi aspetta per svelarvi i segreti della Pop art.

Al Palazzo Blu di Pisa, ad attendervi c’è Auguste Bombétte, che col suo spiccato accento francese vi scorterà alla scoperta della mostra Da Magritte a Duchamp. 1929: Il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou.

A Bologna sarà Sumizuri, un anziano stampatore, a raccontarvi l’affascinante mondo del Giappone durante il periodo Edo alla mostra Hokusai. Hiroshige. Oltre l’Onda. Allestita presso il Museo Civico Archeologico, la mostra è aperta al pubblico fino al 3 marzo 2019.

Last but not least, il Palazzo delle Arti di Napoli vi attende fino al 22 aprile 2019 per la mostra dedicata a Escher. A condurvi tra mondi irreali, fantastiche illusioni e prospettive impossibili saranno due fratellini, Infinity e Vertigo, pronti a svelarvi segreti e curiosità del grande artista olandese.

La stagione fredda è il momento migliore per visitare le mostre e trascorrere momenti preziosi con le persone che amiamo. Avete già individuato la mostra più vicina a voi? E perché non visitarle tutte?

I bambini che visitano mostre e musei stringono un rapporto di familiarità con questi luoghi. Con molta probabilità chi fin da piccolo è abituato a frequentare un ambiente ricco di stimoli  culturali, continuerà a farlo anche da adulto. Tanto più l’esperienza si rivelerà entusiasmante, quante più probabilità ci saranno di ripeterla in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *