Lamborghini_copertina

Oltre 50 anni di innovazione: un tour con Orpheo al Museo Lamborghini MUDETEC

MUDETEC è il nome del nuovo Museo Lamborghini, che si rinnova e diventa “Museo delle Tecnologie”. E Orpheo non poteva mancare in questo viaggio verso il futuro.

Con le nostre radioguide OTG accompagniamo i visitatori alla scoperta dell’affascinante storia e degli iconici modelli del celebre marchio. Aiutando a mantenere le distanze di sicurezza e facilitando l’ascolto delle guide, le nostre radioguide accompagnano i visitatori anche durante il tour delle linee di produzione, che raccontano oltre cinquant’anni di innovazione e proiettano Lamborghini verso il futuro.

I tour guidati del MUDETEC rendono la visita indimenticabile, alla scoperta della storia e delle vetture in esposizione. Ma non solo: al Museo proverete anche un’esperienza interattiva grazie al nuovo simulatore di guida e forti emozioni con la nuova realtà aumentata fruibile tramite App.

Le guide del Museo Lamborghini, con le nostre radioguide, vi accompagneranno in un tour che va dalla nascita del marchio verso il futuro dell’azienda! 

Museo-Lamborghini 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per info e prenotazioni sul Museo Lamborghini visitate:

https://www.lamborghini.com/it-en/museo 

Orpheo da anni è specializzata in tour aziendali con l’ausilio di radioguide OTG, oltre al Museo Lamborghini, si ricordano altri prestigiosi clienti nel mondo corporate che hanno usufruito delle radioguide e dei servizi Orpheo: Illy, Fontanafredda, Monge, Campari, ACEA, Juventus e molti altri.

 

 

prova civita 1

Civita Vive! Progetto finanziato dal Fondo POR-FESR 2014-2020 della Regione Lazio

Il progetto “Civita Vive!” è un percorso di visita multisensoriale in sette lingue che dà voce e volto a Civita di Bagnoregio e al territorio che lo circonda.

A dar voce al borgo e alla sua storia saranno dei personaggi che hanno realmente vissuto Civita. Grazie all’eternità della loro memoria, Civita vive e continua a lottare per resistere al logorio del tempo e alle numerose frane e ai crolli che la identificano come “il paese che muore”.

L’obiettivo di “Civita Vive!” è offrire un’esperienza di visita innovativa che permetta ai visitatori di fruire della magia del borgo e del suo paesaggio in maniera diversa. Si vuole promuovere un turismo più consapevole, partecipativo, e offrire una visita “slow” contro i tour “mordi e fuggi” caratteristici della nostra epoca.

Il progetto è stato finanziato dal Fondo POR-FESR 2014-2020 della Regione Lazio, Bando “Atelier Arte, Bellezza e Cultura | Civita di Bagnoregio”.

IL PROGETTO

“Civita Vive!” dà vita a un percorso di visita multisensoriale e interattivo in cui tecnologie diverse raccontano la storia di Civita e della sua gente attraverso le più innovative forme di storytelling.

Il percorso è composto da tre esperienze di visita, diverse ma interconnesse tra loro. Lo storytelling fa da collante, mentre tecnologie differenti permettono di fruire di una visita innovativa e coinvolgente. Tutto il percorso sarà disponibile in sette lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, cinese e giapponese).

civita di bagnoregio

LA APP

La app “Civita Vive”, disponibile gratuitamente sugli store Apple e Google Play, è un viaggio tra le vie del borgo. Una mappa interattiva condurrà il visitatore a esplorare 5 luoghi significativi di Civita. Attraverso la geolocalizzazione e grazie al riconoscimento di immagine, l’utente vedrà apparire sul proprio smartphone 5 personaggi che raccontano una storia, un ricordo legato a Civita e alla vita nel borgo. La “memoria” è resa ancora più forte dal fatto che, a raccontare queste storie, non sono personaggi adulti, ma bensì giovani testimoni che interpretano i ricordi di un paese che grazie a loro rivive.

app civita vive

LA PROIEZIONE IMMERSIVA

Negli spazi del Museo Geologico e delle Frane è allestita una sala che coinvolge il visitatore, facendolo “immergere” negli ambienti, nelle storie, nei paesaggi di Civita. E’ ancora una volta la voce dei bambini a narrare i ricordi e i momenti di vita vissuti nel borgo. In questa sala, con gli occhi pieni delle immagini di Civita, dei suoi cieli, della sua natura, delle sue pietre, il visitatore si porterà a casa un pezzo di questa terra.

Possono assistere alla proiezione più utilizzatori che parlano lingue diverse: all’ingresso sono distribuite, infatti, delle audioguide multilingue con cuffia. La visita è completamente automatizzata: grazie a dei sensori, l’audioguida si attiva automaticamente all’ingresso in sala. E il visitatore potrà accedervi in qualsiasi momento! Il bello della sincronizzazione audio-video permette, infatti, a chiunque di ascoltare in cuffia l’audio nel momento esatto in cui entra nella sala, anche se la proiezione è già iniziata.

LE AUDIOGUIDE

Per chi ne volesse sapere di più su Civita e sul Museo Geologico e delle Frane, sono disponibili, all’interno del museo, delle audioguide multilingua. Il tour sarà un percorso coinvolgente, raccontato dalle parole di una giovane geologa e di suo nonno che dialogano tra le teche, i plastici e le ricostruzioni del museo. Al termine della visita, l’utente avrà una conoscenza molto più approfondita di Civita e del suo territorio e guarderà con occhi e con una consapevolezza diversi il paesaggio che circonda il fragile borgo. Lo storytelling fa di questo tour un racconto adatto a tutti, dai più grandi ai più piccoli, che si divertiranno imparando.

LA RETE DI IMPRESE

La forza di “Civita Vive!” è racchiusa nella rete di imprese e associazioni che hanno collaborato e unito la loro expertise per realizzare un progetto innovativo e una potenziale attività imprenditoriale replicabile in realtà simili a quella di Civita di Bagnoregio.

La rete è rappresentata dalle idee, della forza e dalla collaborazione di queste aziende:

  • Orpheo Italia, azienda leader nel settore delle tecnologie applicate ai beni culturali. E’ il ramo italiano di una holding internazionale, seconda al mondo per produzione e vendite di device per i percorsi di visita.
  • Studio Colosseo, azienda che vanta un’expertise pluriennale nel campo dell’audiovisivo multilingua, nelle traduzioni professionali e nelle registrazioni con attori madrelingua, nelle produzioni multimediali, con un focus speciale per i contenuti per le visite museali.
  • Hubstract, start up innovativa che sviluppa e realizza prodotti e servizi per la comunicazione, la fruizione, la valorizzazione dei beni e delle attività culturali attraverso l’uso, la sperimentazione e l’integrazione di tecnologie e linguaggi tradizionali e innovativi.
  • SBC Communic@tion, azienda che si occupa in maniera avanzata e moderna di comunicazione e di editoria. La sua attività si sviluppa in pubblicazioni specializzate sia in formato tradizionale che digitale, nella fornitura di contenuti, nella comunicazione di settore.
  • Associazione Geoteverina, associazione culturale dedita è dedita allo studio e alla divulgazione delle Scienze della Terra; gestisce da diversi anni il Museo Geologico e delle Frane di Civita di Bagnoregio.
  • Voice Professionals Italy, azienda specializzata nel doppiaggio e nei servizi di produzione e post-produzione, nella realizzazione di colonne sonore ed effetti audio di alta qualità, nel doppiaggio di script e sceneggiature cinematografiche e nella traduzione di sottotitoli.
  • Ophrys Systèmes, azienda francese leader nella produzione di audioguide, radioguide, videoguide e di tutte le soluzioni tecnologiche pensate per aumentare la fruibilità dei siti culturali e museali.
Pompei-e-Santorini

Pompei e Santorini: due civiltà, un unico destino. La mostra alle Scuderie del Quirinale

Di tutte le catastrofi che si sono abbattute sul mondo, nessuna ha procurato tanta gioia alle generazioni future”.

Con queste parole, Goethe ricorda l’eruzione vulcanica che seppellì Pompei e molte altre città vesuviane, distruggendole ma, al contempo, preservando il loro aspetto per quasi duemila anni. Importanti ritrovamenti archeologici hanno indotto gli studiosi a riconsiderare la data dell’eruzione, tradizionalmente fissata al 24 agosto del 79 d.C., in favore di una data autunnale, il 24 ottobre dello stesso anno.

Oggi, dunque, ricorre l’anniversario di quel fatidico giorno… Quale momento migliore per avventurarsi in un suggestivo viaggio nel tempo alla scoperta degli antichi splendori dell’antica Pompei?!

La mostra dal titolo “Pompei e Santorini: l’eternità in un giorno”, propone un’imperdibile esperienza, un tête-à-tête col passato per esplorare i fasti di Pompei ma anche l’intimità della vita quotidiana, i profumi perduti nel tempo… i resti degli ultimi pasti, sepolti sotto un manto di cenere vulcanica.

Venere su una quadriga trainata da elefanti – Parco Archeologico di Pompei

 

Affresco con paesaggio subtropicale – Santorini, Museo di Thera Preistorica

Pompei non è l’unica protagonista di questo viaggio a ritroso nei secoli, che si spinge fino alla preistoria egea, e ci svela gli splendori di Akrotiri, fiorente città dell’isola di Thera, l’odierna Santorini, distrutta 3.600 anni fa da un destino simile. I pregevoli reperti preistorici, insieme ai calchi e ai reperti pompeiani, dialogano con le opere di grandi artisti moderni e contemporanei, che nei secoli hanno declinato l’immagine della distruzione e dell’eruzione vulcanica con stili e materiali differenti.

La mostra, realizzata da Ales e ideata dal Parco Archeologico di Pompei in collaborazione con l’Eforato per le Antichità delle Cicladi, sarà visitabile fino al 6 gennaio 2020 presso le Scuderie del Quirinale.

Orpheo ha avuto il piacere di mettere a disposizione i suoi strumenti per dar voce a questo straordinario “viaggio nel tempo”, fornendo le audioguide e curando i contenuti sonori, dalla stesura dei testi alla traduzione e registrazione dei percorsi audioguidati, disponibili in italiano, inglese e francese. Come di consueto, un percorso creato ad hoc per i più piccoli offre loro la possibilità di godere a pieno della visita, che si trasforma in una giocosa caccia al dettaglio, mettendo alla prova la capacità di osservazione dei giovani visitatori e le loro doti da “piccoli archeologi”.

 

Aretusa

Orpheo e Aretusa uniti nel mito

La Fonte Aretusa, simbolo della città di Siracusa, è nuovamente aperta al pubblico. Il progetto, prodotto da Civita Sicilia, in collaborazione con la Fondazione per l’Arte e la Cultura Lauro Chiazzese e con La Struttura Didattica Speciale di Architettura, prevede un percorso di visita che permetterà ai visitatori di godere della bellezza della fonte dal suo interno.

Secondo il mito, in questo luogo i corsi d’acqua generati dalla metamorfosi di Aretusa e Alfeo si uniscono in un abbraccio senza fine. Capitolo finale della celebre storia d’amore, inizialmente non corrisposto, iniziata nella Grecia antica e conclusasi dopo mille peripezie, a Siracusa. Il passaggio dalla Grecia a Siracusa sta a testimoniare il forte legame che continuava a esistere tra la madrepatria e chi partiva per fondare nuove colonie.

Ciò che rende Fonte Aretusa una perla del patrimonio naturalistico italiano è anche il fatto che la sua bellezza, nel corso dei secoli è stata cantata da re, filosofi e scrittori; tra cui Cicerone che descrive il tramonto che si può ammirare dalla fonte come “tra i più belli al mondo”.

Il visitatore durante la visita è accompagnato dai contenuti audio Orpheo. Tra le voci narranti ci sono Sergio Grasso, Stefano Starna e Isabella Ragonese, tra le più importanti e conosciute attrici del cinema italiano, nota, tra gli altri, per la sua presenza nei film “Il Giovane Favoloso” e “Tutta la vita davanti”, oltre alla partecipazione alla serie televisiva “Rocco Schiavone”.

I contenuti audio, nell’ottica di un’ampia fruizione, sono disponibili anche in inglese, spagnolo, francese e cinese. 

Il dispositivo attraverso il quale il visitatore potrà seguire le vicende di Aretusa e Alfeo è l’audioguida Mikro Lx, ultima nata della famiglia Orpheo. Dotata di numerose funzionalità, questo device è l’unico sul mercato ad avere la tastiera con il marcatore di rilievo (il tasto 5) per permettere alle persone non vedenti di orientarsi autonomamente sui tasti. Inoltre, la Fonte Aretusa è stata dotata di speciali cavi a induzione che, collegandosi direttamente con gli apparecchi acustici, rendono più agevole la visita per le persone ipo-udenti. Questo progetto si inscrive nel programma sull’accessibilità museale Arte per Tutti, lanciato da Orpheo nel 2016.

Con Orpheo sulle tracce di Tutankhamon

Tutankhamon RealExperience è un progetto innovativo realizzato da Civita Mostre e Laboratoriorosso. Orpheo ha messo a disposizione la propria tecnologia di sincronizzazione audio-video, permettendo ai visitatori di godersi un’esperienza immersiva unica. 

La mostra propone un’esperienza coinvolgente e immersiva e racconta il “viaggio oltre le tenebre” del faraone più famoso della storia dell’antico Egitto. Attraverso il percorso espositivo, il pubblico potrà comprendere a pieno la concezione che gli antichi egizi avevano dell’aldilà; il tutto sarà possibile grazie alla presenza di reperti archeologici e proiezioni immersive.

Tutankhamon RealExperience è stata allestita in prima mondiale al Museo Nazionale di Praga, in occasione dei festeggiamenti per i Cento anni di attività dell’Istituto di Egittologia della Charles University di Praga ed è aperta al pubblico dal 21 agosto 2019 al 2 febbraio 2020.

La mostra presenta un capolavoro assoluto, ossia la statua del giovane Tutankhamon proveniente dal Museo August Kestner di Hannover. Intorno alla statua del giovane faraone si snoda la sezione archeologica, che comprende anche reperti normalmente non accessibili.

La seconda parte del progetto è interamente multimediale e descrive in modo innovativo il viaggio che Tutankhamon ha compiuto oltre le tenebre,  rifacendosi alle credenze ultraterrene egizie.

Il percorso espositivo e il racconto da esso proposto hanno una solida base scientifica ed egittologica, che si avvale del contributo di archeologi ed egittologi di fama mondiale, tra i quali Miroslav Barta e Zahi Hawass.

Orpheo per questa mostra ha messo a disposizione la propria audioguida Mikro Lx, occupandosi della produzione audio in sei lingue (ceco, inglese, tedesco, francese, russo e italiano) sia per la parte multimediale che per gli approfondimenti sulla sezione archeologica.

leonardo scuderie del quirinale

La bottega di Leonardo si racconta grazie alle audioguide Orpheo

2 maggio 1519: il più eclettico degli artisti italiani, Leonardo da Vinci, moriva all’età di 67 anni, lasciando dietro di sé una enorme mole di disegni, scritti e annotazioni sparse. Ad uno dei suoi allievi sarebbe toccato l’ingrato compito di fare ordine tra le sue carte per consegnarle ai posteri.

A 500 anni dalla sua scomparsa, l’Italia omaggia la memoria di Leonardo con la grande mostra “Leonardo da Vinci. La scienza prima della scienza“, che ci restituisce un’immagine nuova del Maestro. Il mito dell’inventore e profeta del futuro viene, infatti, smontato in favore di una lettura più attenta e puntuale del contesto storico, che si traduce, anche dal punto di vista espositivo, in un continuo dialogo con gli artisti ed intellettuali del suo tempo.

La mostra, promossa da Ales, sarà visitabile dal 13 marzo al 30 giugno 2019 presso le Scuderie del Quirinale. Quasi 250 le opere in esposizione, tra cui vari fogli del Codice Atlantico, la celebre raccolta di disegni e scritti di Leonardo, ma anche bellissimi modelli interpretativi provenienti dal Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

LEONARDO-DA-VINCI-La scienza prima della scienza

In qualità di partner tecnico, oltre a fornire le sue radioguide OTG e audioguide Mikro Lx, Orpheo ha curato l’intera realizzazione del percorso audioguidato, dalla scrittura dei testi alla registrazione dei commenti audio.

Una narrazione semplice e coinvolgente accompagnerà i visitatori alla scoperta delle opere svelandone retroscena, approfondimenti e curiosità. Sarà possibile scegliere in piena autonomia quanto tempo dedicare alla visita e quali commenti e approfondimenti ascoltare. Speciali cavi ad induzione, compatibili con tutti gli apparecchi acustici, renderanno, inoltre, accessibile la visita anche ai visitatori ipoudenti.

Da sempre attento alle esigenze dei visitatori più giovani, Orpheo ha realizzato per l’occasione un percorso audioguidato a misura di bambino, nel quale un discolo allievo di Leonardo racconta la sua esperienza alla bottega del maestro. Anche in questo caso, oltre ai commenti relativi alle opere in esposizione, sarà possibile ascoltare piccoli approfondimenti e curiosità. Semplici quiz e domande rivolte ai ragazzi, aggiungeranno un pizzico di brio in più all’ascolto, rendendo l’esperienza di visita ancora più stimolante e coinvolgente. Una ragione in più per visitare la mostra insieme a tutta la famiglia!

Cover_Mostra_Chagall

Orpheo con Chagall in un “Sogno d’amore”

Il 15 febbraio, con la mostra “Sogno d’amore”, Marc Chagall fa per la prima volta ingresso a Napoli con una raccolta unica dei suoi capolavori, provenienti da collezioni private e ospitati dal Lapis Museum, presso la Basilica di Pietrasanta.

In qualità di partner tecnico di Arthemisia, Orpheo ha fornito le audioguide per l’esposizione dedicata a Chagall, curandone anche i contenuti sonori, dalla stesura dei testi alla traduzione e registrazione dei percorsi.

Il percorso conduce il visitatore alla scoperta di un artista visionario e irripetibile: Marc Chagall. Attraverso un’ampia selezione di oltre 150 opere sarà possibile scoprire i capolavori del pittore russo, avendo come filo conduttore l’amore per la moglie Bella.

Per questo evento Orpheo ha pensato proprio a tutti, realizzando un itinerario caratterizzato da un linguaggio semplice ma ricco di curiosità, rendendo il percorso audioguidato un valido supporto alla visita tanto per i visitatori adulti che per i bambini. Le audioguide saranno disponibili anche in lingua inglese.

innamorati-chagall

Nell’arte, come nella vita, tutto è possibile se è basato sull’amore” (Marc Chagall)

Sarà la figlia Ida ad accompagnare il visitatore attraverso un racconto intimo della famiglia Chagall. Lo stesso artista farà la sua comparsa all’interno della narrazione raccontando alcuni episodi significativi della sua vita personale, gli stessi che ritroviamo negli elementi della sua vita artistica.

Come per tutti i progetti in cui collabora, anche per questa mostra Orpheo ha messo a disposizione dei cavi a induzione per ipoudenti. Si tratta di fibbie che, collegandosi al dispositivo, permettono di ascoltare il commento audio direttamente attraverso l’apparecchio acustico dell’utente. Grazie a questa tecnologia il visitatore beneficerà di una maggiore qualità dell’audio, evitando la fastidiosa sovrapposizione delle cuffie. Il servizio fa parte del progetto Arte per Tutti, il programma lanciato da Orpheo per rendere accessibili i musei e i siti culturali italiani tramite lo sviluppo di soluzioni tecnologiche per le esigenze di tutti i visitatori.

Monreale

Duomo di Monreale: con Orpheo dove arte e spiritualità si fondono

Immaginate di percorrere navate lunghe oltre cento metri, delimitate da una selva di antiche colonne, mentre duecentocinquanta santi vi scrutano da ogni lato. Immaginate, tutto intorno a voi, la profusione dell’oro degli straordinari mosaici che, coi loro seimilaquattrocento metri quadri, sono i più estesi d’Italia. Immaginate un luogo sopravvissuto a incendi e terremoti, la cui bellezza è esaltata da quasi ottocentocinquanta anni di storia. Immaginate ori, argenti, gemme e marmi combinarsi in immagini sacre che raccontano, come un libro aperto, la genesi, i vangeli e l’apocalisse. E, tra tutte, soffermatevi sull’immagine maestosa del Cristo Pantocratore, creatore e reggente di tutte le cose, che dall’alto dell’abside maggiore vi benedice e sembra accogliervi nel suo abbraccio.

Cristo Pantocrator Monreale

Questo luogo magico e intriso di spiritualità si trova a soli sette chilometri da Palermo e potrebbe costituire una tappa ideale del vostro prossimo viaggio in Sicilia. Stiamo parlando della Cattedrale di Santa Maria Nuova di Monreale, conosciuta da tutti semplicemente come Duomo di Monreale. Luogo simbolo della cristianità, l’edificio sacro è una meta ideale anche per appassionati di storia e di arte, per viaggiatori curiosi e per chiunque aneli ad un po’ di pace e raccoglimento.

Orpheo ha avuto il piacere di mettere a disposizione i suoi strumenti per dar voce a questo luogo straordinario e condurvi discretamente alla sua scoperta. Le audioguide Orpheo, con la loro tecnologia semplice da utilizzare e adatta a tutti, vi forniranno le informazioni necessarie per godere a pieno dell’esperienza all’interno del Duomo. Acquisire informazioni sui siti che esploriamo, infatti, accresce enormemente il nostro coinvolgimento ed il piacere della visita, specialmente quando è possibile decidere in totale autonomia a quali informazioni accedere e quanto tempo dedicare all’ascolto. Il lavoro di realizzazione del percorso audioguidato è stato preceduto da un sopralluogo per analizzare le caratteristiche peculiari del sito e la modalità di gestione del flusso di visitatori.

Orpheo inoltre ha avuto l’onore di  curare la registrazione del messaggio di benvenuto ai visitatori da parte dell’Arcivescovo di Monreale, Monsignor Michele Pennisi. Molta attenzione è stata data alle traduzioni del testo in 6 lingue tra cui Cinese e Russo. A queste è seguito circa un mese di lavoro con attori professionisti che hanno dato voce alle parole degli scrittori. Il tutto per permettere una visita indimenticabile in uno dei gioielli più importanti del nostro panorama artistico e religioso.

kids tour Pollock orpheo

Mostre d’autunno: con Orpheo la cultura è un gioco da ragazzi

Insieme è più bello

Con la pioggia e il fumo denso delle caldarroste ritorna una stagione fitta di imperdibili appuntamenti con la cultura. Quale occasione migliore per riunire la famiglia e trascorrere del tempo di qualità, tutti insieme?!

Sono ben tredici le mostre temporanee che questo autunno ci vedono coinvolti da un’estremità all’altra dello stivale. Cinque di queste strizzano l’occhio anche ai più piccoli.

Esperienze a misura di bambino

Orpheo, che da sempre è in prima linea nell’impegno verso l’accessibilità della cultura e promotore, tra l’altro, del programma Arte per Tutti, realizza anche contenuti originali ideati appositamente per i ragazzi. Coinvolgere è la nostra mission, e il nostro strumento è lo storytelling. Immergersi nelle storie ci consente di viaggiare per terre sconosciute e in passati remoti, produce effetti benefici sul cervello – l’ossitocina è anche nota come “l’ormone dell’empatia” – e stimola la curiosità, elemento imprescindibile dell’apprendimento.

arte per tutti - orpheo

Oltre lo storytelling

Ma c’è di più. Nei nostri percorsi audioguidati, il concetto di storytelling sembra virare verso nuovi orizzonti. Il semplice ascolto di una storia viene progressivamente sostituito da un ascolto partecipato, in cui la voce narrante propone riflessioni e piccoli interrogativi ai giovani ascoltatori, rendendoli ancora più coinvolti nella loro esperienza con l’arte!

Quale strumento è necessario per realizzare la tecnica pittorica del crachis?

Qual era il colore utilizzato per gli abiti dei bambini e delle bambine un secolo fa?

“Qual è il colore più amato sulla terra? E quello meno amato?”

Le nostre mostre

Queste, ad esempio, sono solo alcune delle molte curiosità che Iris, dea dell’arcobaleno e messaggera degli dei, svelerà ai giovani visitatori della mostra Pollock e la Scuola di New York ospitata nell’ala Brasini del Complesso del Vittoriano e visitabile fino al 24 febbraio 2019. Il percorso di visita, concepito come una sorta di caccia al tesoro, propone ai ragazzi anche tanti stimoli per cimentarsi in originali tecniche pittoriche e, invertendo le prospettive, trasforma loro stessi in piccoli artisti.

La stessa prestigiosa location accoglie la mostra dedicata ad Andy Warhol, dove, fino al 3 febbraio, il paparazzo Johnny Flash vi aspetta per svelarvi i segreti della Pop art.

Al Palazzo Blu di Pisa, ad attendervi c’è Auguste Bombétte, che col suo spiccato accento francese vi scorterà alla scoperta della mostra Da Magritte a Duchamp. 1929: Il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou.

A Bologna sarà Sumizuri, un anziano stampatore, a raccontarvi l’affascinante mondo del Giappone durante il periodo Edo alla mostra Hokusai. Hiroshige. Oltre l’Onda. Allestita presso il Museo Civico Archeologico, la mostra è aperta al pubblico fino al 3 marzo 2019.

Last but not least, il Palazzo delle Arti di Napoli vi attende fino al 22 aprile 2019 per la mostra dedicata a Escher. A condurvi tra mondi irreali, fantastiche illusioni e prospettive impossibili saranno due fratellini, Infinity e Vertigo, pronti a svelarvi segreti e curiosità del grande artista olandese.

La stagione fredda è il momento migliore per visitare le mostre e trascorrere momenti preziosi con le persone che amiamo. Avete già individuato la mostra più vicina a voi? E perché non visitarle tutte?

I bambini che visitano mostre e musei stringono un rapporto di familiarità con questi luoghi. Con molta probabilità chi fin da piccolo è abituato a frequentare un ambiente ricco di stimoli  culturali, continuerà a farlo anche da adulto. Tanto più l’esperienza si rivelerà entusiasmante, quante più probabilità ci saranno di ripeterla in futuro.