Museo Missionario Cinese di Storia Naturale: Orpheo e l’Oriente

Anche conosciuto come Museo Nazionale di Storia Naturale di Sava,  il Museo Missionario Cinese di Storia Naturale è stato fondato nel 1982 per volere di padre Tommaso Leopizzi. La collezione è costituita dall’insieme dei reperti e degli oggetti accumulati nel corso delle missioni dell’omonimo ordine dei Frati Minori in Estremo Oriente nel corso dei secoli.

La storia del museo è strettamente legata alle vicende di vita e alle volontà di padre Egidio Santoro che ebbe l’ambizione di raccogliere, nel primo museo etnografico d’Italia dedicato alla Cina, tutti gli oggetti acquistati e conservati nel corso dei suoi decenni da missionario in Oriente. Scomparso troppo presto nel 1963, padre Santoro non poté ammirare il suo progetto realizzato.

Grazie al Ministro Provinciale dei Frati Minori di quegli anni, Egidio de Tommaso, finalmente la collezione fu esposta interamente presso il Palazzo Fulgezio della Monica. La sede prescelta si trovava proprio di fianco il Convento di Sant’Antonio di Lecce, all’interno del quale era già conservata la Pinacoteca Francescana con tutti i suoi capolavori.

L'attuale sede del museo presso il Convento di S. Francesco di Sava
L’attuale sede del museo presso il Convento di S. Francesco di Sava

Lo stesso padre de Tommaso era un assiduo appassionato di collezionismo, ma questa volta si trattava di malacologia. Di conseguenza, la biblioteca del Palazzo Fulgezio divenne anche sede espositiva di questo primo nucleo naturalistico, destinato a divenire poi una sezione ben più ampia del museo.

Nel 1982 il museo Missionario Cinese di Storia Naturale fu finalmente inaugurato presso il Palazzo Fulgezio della Manica da padre Tommaso Leopizzi, riprendendo le collezioni precedentemente sistemate da padre Egidio de Tommaso. Successivamente, da Lecce la collezione fu trasferita a Sava, in provincia di Taranto, presso il Convento di San Francesco.

Orpheo vi invita ad ammirare un museo unico nel suo genere che accosta due collezioni ben diverse tra loro, ma accostate grazie alla passione di collezionisti speciali. Saranno proprio le nostre audioguide Mikro LX ad illustrarvi la storia esotica di questo museo tra arazzi, strumenti musicali, esemplari faunistici ed erbari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *