Escher mostra New York: Orpheo conquista la Grande Mela

Escher mostra

Orpheo approda a New York e lo fa in grande stile. È stata infatti inaugurata l’8 giugno una mostra temporanea dedicata ad Escher, il grande incisore olandese che con le sue stampe ha svelato un mondo creativo fatto di geometrie ed effetti ottici che continuano a sorprenderci. Per conoscere Escher mostra ed esperienza interattiva saranno un’occasione unica per chi si trovasse a New York, o più in particolare nella City Industry di Brooklyn, fino al 3 febbraio 2019.

Escher mostra a New York: Orpheo sbarca a Brooklyn

Più che per qualunque altro artista, per apprendere l’universo rappresentato da Escher è necessario immergersi, o ancor meglio mettere in movimento le sue opere. Non si tratta infatti di suggestioni poetiche, ma di un universo immaginario, del tutto personale e con leggi proprie: le creazioni di Escher rispondono a leggi matematiche e geometriche, sovvertendole; stravolgono lo spazio con effetti ottici, ma nulla è lasciato al caso. Ecco perché il celeberrimo incisore mette d’accordo storici dell’arte e menti scientifiche. Escher guarda ad ogni aspetto della vita: naturale, urbano, onirico, ma sintetizza tutto in rigorosi e ipnotici meccanismi rappresentativi. Escher mostraLa maniera di concepire lo spazio è del tutto personale e inaspettata, privilegiando l’illusione di una realtà ottenuta attraverso la sovrapposizione di dimensioni e prospettive. Egli per primo indaga, e riesce a tradurre per immagini, costruzioni impossibili che denunciano una visionarietà certamente fuori dal comune. Insomma, Escher mostra e scorpora in fotogrammi paradossi fisici ed effetti ottici per dimostrarci quanto si possa osservare con l’intelletto, oltre che con gli occhi.

E se per comprendere a pieno i paradossi nelle stampe di Escher è necessario metterle in movimento, ecco che la mostra offrirà occasioni di sperimentare in prima persona le distorsioni e le prospettive impossibile del geniale artista. I visitatori potranno entrare in una stanza delle prospettive o farsi un selfie “alla Escher”. Anche i più piccoli potranno intrattenersi con stimolanti giochi di logica.

Escher mostraIl progetto Escher The Exhibition & Experience arriva a New York, dopo aver coinvolto anche Roma, Bologna, Milano, Singapore, Madrid e Lisbona. Rappresenta un lavoro assai ambizioso e innovativo per la scena artistico-culturale statunitense, che espone ben 200 opere. Curatore è Mark Veldhuysen, nome illustre della M.C. Escher Foundation, nonché collezionista del grande maestro,  in collaborazione con Federico Giudiceandrea. La produzione e organizzazione sono state gestite dalla stessa M.C. Escher Foundation in collaborazione con l’italiana Arthemisia. Una componente nostrana  rafforzata dalla collaborazione con Orpheo che si è occupata della stesura dei testi originali, della traduzione e della registrazione, includendo anche un percorso realizzato su misura per i bambini.

Escher mostraE non è tutto: per questa temporanea il team di Orpheo ha realizzato un’app inedita, ricca di contenuti speciali e approfondimenti, che i visitatori potranno scaricare gratuitamente dallo store del proprio cellulare e attraverso la quale potranno seguire il percorso audio. Dal momento che strizziamo sempre l’occhio ai visitatori più piccoli, la nostra app prevede anche una sezione dedicata esclusivamente a loro. La narrazione ideata per i bambini ha come protagonisti Infinity e il suo fratello minore Vertigo; la prima, grazie anche all’aiuto di Escher, dovrà spiegare al fratellino il mondo dell’artista olandese. Questo stesso storytelling è presente nelle audioguide.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *